Il fiuto dei cani è più attendibile dei test per scovare il tumore alla prostata

(30 Ottobre 2015) - pubblicato da Redazione

Sperimentazione in corso con l'aiuto del centro militare veterinario di Grosseto. Due femmine di pastore tedesco l'hanno scoperto nel 97% dei casi

 

Roma, 29 ottobre 2015 - Il fiuto dei cani per scoprire il cancro alla prostata. Lo sta sperimentando il dottor Gianluigi Traversa che ha avviato uno studio con il centro militare veterinario dell'esercito che ha sede a Grosseto. Due femmine di di pastore tedesco, Liù e Zoe, già cani antimina, sono riuscite a "scoprirlo" nel 97% dei casi. Il loro compito è quello di segnalare, attraverso il loro olfatto, le urine di pazienti affetti da cancro prostatico. La loro percezione della malattia è fino a 5 volte più efficace del test del Psa. L'esperienza è stata illustrata nel corso del Festival della Scienza, in corso a Genova. Tutto nasce dall'intuizione di un medico inglese di circa 30 anni. «Disse che il suo cane aveva scoperto un melanoma alla moglie, pubblicò la notizia e io lo contattai - spiega Traversa, responsabile della sezione di Patologia prostatica dell'istituto clinico Humanitas - da quel momento incominciai a lavorare per capire se l'esperienza del medico inglese poteva essere fantascienza o realtà». «Il tumore prostatico ha un odore particolare e ora il prossimo passo sarà quello di capire quali sono le molecole e cosa annusa il cane», sottolinea Traversa. Lo studio ha avuto sviluppi in tutto il mondo: «Stiamo collaborando con Stati Uniti, Giappone, Olanda e Inghilterra per allargare questa esperienza: vogliamo capire che cosa annusi il cane, in modo da riprodurre uno strumento in grado di affiancarlo per capire quale tipo di metabolismo neoplastico cellulare che determina l'odore particolare».

fonte: quotidiano.net



Torna alle news

Regione:Lazio

Quando:30 Aprile 2018

(Lazio), DIGNITA’ E IDENTITA’
NON SONO CANI, SONO CITTADINI ITALIANI.

EVENTI IN EVIDENZA