Notte all’addiaccio sottozero, coppia salvata dall'abbraccio con i cani

(18 Novembre 2015) - pubblicato da Redazione

BARCIS - Salvati dai loro cani che li hanno riscaldati nel corso della notte trascorsa sottozero.

È quanto accaduto ad Alessio Morello, 26 anni, di Sesto al Reghena, e Dania Sartori, 36 anni, di Cordenons, dispersi domenica sulle creste della Val Chialedina, dove erano usciti per una semplice passeggiata nei boschi. Era la prima volta che la coppia si dava appuntamento per un'uscita in montagna con i propri animali.

Nei progetti si sarebbe dovuto trattare di una camminata, magari impegnativa, ma sempre lungo il sentiero Cai 969, che si dipana appena sopra Cellino di Claut. Ad un certo punto, dopo molte ore di cammino, i due escursionisti hanno capito di aver smarrito la via di casa e attorno alle 20, trovato finalmente campo per le comunicazioni via cellulare, hanno lanciato l'allarme al 112. La centrale operativa della Compagnia di Spilimbergo, oltre ad inviare la propria pattuglia, ha allertato i tecnici del Soccorso alpino della Valcelina e di Maniago, intervenuti assieme ai vigili del fuoco.

Le ricerche sono proseguite per tutta la notte, senza esito. I soccorritori sono stati, tuttavia, rincuorati da una seconda chiamata dei dispersi, attorno alle 3.40, sempre al 112: la coppia riferiva di essere in buone condizioni. Da parte loro, gli esperti avevano intimato ai due escursionisti di non muoversi per alcuna ragione e di fare attività motoria sul posto, per combattere il freddo.

«Così abbiamo fatto - ha riferito la donna ai volontari del Soccorso alpino, quando l'hanno raggiunta, ieri mattina, attorno alle 9 -: in quota c'era, però, un freddo pungente e così ci siamo abbracciati ai nostri cani (un pastore tedesco e uno australiano, ndr) che sono stati fantastici. Vedendo le nostre difficoltà si avvinghiavano a noi e ci tenevano caldo come fossero due coperte, fino a quando, all'alba, ci siamo alzati e abbiamo potuto spostarci brevemente per riattivare la circolazione». Una volta individuati i dispersi, i tecnici del Cnsas - assieme ai vigili del fuoco, giunti con due unità cinofile - hanno creato nel folto del bosco, abbattendo alcune piante, una piazzola dove far atterrare l'elicottero della Protezione civile, che ha tratto in salvo gli escursionisti e i loro animali.

Una volta in salvo, la coppia ha potuto avvisare i parenti, alcuni dei quali avevano appreso della loro disavventura soltanto poche ore prima, leggendo il Gazzettino.

 

fonte: ilgazzettino.it



Torna alle news

Regione:Lazio

Quando:30 Aprile 2018

(Lazio), DIGNITA’ E IDENTITA’
NON SONO CANI, SONO CITTADINI ITALIANI.

EVENTI IN EVIDENZA