In Nepal c' una festa dedicata ai cani per dire loro Grazie di esistere

(03 Novembre 2015) - pubblicato da Redazione

Cade sempre verso la fine di ottobre. Gli animali vengono agghindati con collane di fiori e "benedetti" con polveri colorate. In tutto il mondo occidentale non c'è un giorno interamente dedicato ai quattrozampe

 

Roma, 2 novembre 2015 - In Cina si fa una festa per celebrare la carne di cane e gatto. Si chiama Festival di Yulin e provoca orrore nel mondo. In Nepal esiste una celebrazione, al contrario, che cade sempre attorno alla fine di ottobre, per dire ai cani "grazie" di tutto il loro amore. Un giorno dedicato alla loro fedeltà, alla generosità che mostrano nei confronti degli umani, al calore che riescono a dare in modo del tutto disinteressato. Esiste questo giorno, in Nepal, ed esiste questa festa di cui magari si sa ancora troppo poco ma per la quale il mondo intero dovrebbe essere grato al Nepal. Nell'occasione i cani, la cui preziosa amicizia con i bipedi non viene mai sottovalutata, vengono agghindati con collane di fiori e colorati con le insegne dell'amore e della fortuna.  

La festa si chiama Kuhur Tihar  (culto dei cani) che va avanti per l'intera giornata. Le persone offrono agli animali ghirlande e piccoli doni, specialmente bocconcini gustosi, in segno di amore e ringraziamento. Poi la polvere, sparsa sulla testa, diventa una sorta di benedizione. Perché il fato li conservi a lungo, sempre a fianco degli umani. In tutto il mondo occidentale, per quanto ci sia sempre più amore nei confronti dei cani, non esiste un giorno dedicato a loro. Per il Nepal, invece, si tratta di una vera festa, considerata tra le più importanti del Paese.
Lorenzo Gallitto

 

fonte: quotidiano.net



Torna alle news

EVENTI IN EVIDENZA